szukaj
Wyszukaj w serwisie

Medaglia olimpica polacca nel windsurf: ho salvato una donna dall’aborto

Ufficio per le Comunicazioni Estere della Conferenza Episcopale Polacca / 19.03.2021
Zofia Klepacka/Facebook
Zofia Klepacka/Facebook

– Ho protetto una donna dall’aborto – confessa la campionessa mondiale polacca e medaglia olimpica di windsurf Zofia Klepacka. In un’intervista a Radio Warszawa, la campionessa sottolinea i valori cristiani e patriottici che le sono consoni.


Zofia Klepacka è da molti anni in prima linea nella classe olimpica di windsurf RS: X. Ha vinto il primo e il secondo posto successivamente nel campionato del mondo, mentre alle Olimpiadi del 2012 a Londra ha vinto la medaglia di bronzo. Ha anche vinto i titoli di campionessa e vice-campionessa europea.

La star polacca del windsurf riconosce pubblicamente i valori che possono essere riassunti dal motto dell’esercito polacco: Dio, onore, patria. È anche nota per le sue attività evangeliche, patriottiche e pro-vita. Per questo è bersaglio di attacchi da parte dei gruppi abortisti.

Zofia Klepacka è contraria all’aborto perché – come afferma – in questo modo è dalla parte dei più deboli, di coloro che non possono difendersi. Ha rilasciato una sua testimonianza a Radio Warszawa sulla difesa della vita concepita.

– Sono riuscita a proteggere una donna perché non abortisse. Mi aveva scritto e nella conversazione ho scoperto che era in una situazione difficile. Sono felice perché con la mia testimonianza ho convinto questa donna a non uccidere il bambino. Se ne parliamo, anche altri seguiranno il nostro esempio – ha sottolineato la campione polacca di windsurf.

In un’intervista con l’emittente diocesana, Zofia Klepacka, nella vita privata originaria di Varsavia e madre di due bambini, ha parlato anche dell’importanza della maternità e del coniugare il ruolo di genitore con la carriera sportiva. Durante le proteste dopo la sentenza del Tribunale Costituzionale che vieta l’aborto eugenetico, la campionessa polacca si è impegnata nella difesa dagli attacchi alle chiese e ai monumenti.

– Possiamo vedere la direzione in cui sta andando il mondo di oggi. In alcuni paesi, l’eutanasia e l’aborto sono all’ordine del giorno. Spero che la Polonia sia un esempio per l’Europa e un bastione del cristianesimo, un baluardo della normalità e dei valori normali. Da qui la mia difesa delle chiese che sono state attaccate, dei monumenti che commemorano i nostri eroi nazionali che hanno versato il loro sangue perché potessimo vivere in uno stato sovrano libero e democratico – ha detto la windsurfista.

Zofia Klepacka ha vinto nei giorni scorsi la medaglia di bronzo agli Europei in Portogallo. Dopo il ritorno in Polonia, il trofeo è stato venduto all’asta. Il ricavato – 10.000 PLN – sarà destinato per aiutare e curare la signora Aleksandra, una donna polacca che vive a Lviv.

Traduzione dal polacco di Marina Olmo

Tłumaczenie powstało na zamówienie Fundacji ŻYCIU TAK im. Niepokalanego Poczęcia Najświętszej Maryi Panny


2024-03-03 00:15:11