szukaj
Wyszukaj w serwisie

Il Presidente della Conferenza Episcopale Polacca sulle speranze e le domande riguardanti il Sinodo dei Vescovi

Vaticannews / Vaticano / 22.06.2021
BP KEP
BP KEP

Secondo l’Arcivescovo Stanisław Gądecki, Presidente della Conferenza Episcopale Polacca, la nuova formula del Sinodo dei Vescovi ha la possibilità di cogliere uno spettro più ampio di questioni che riguardano la Chiesa e di includere nella riflessione diverse sensibilità che talvolta formano opinioni opposte. Il Metropolita di Poznań ha partecipato all’incontro preparatorio di questo evento, che è stato presieduto dal Card. Mario Grech, Segretario Generale del Sinodo dei Vescovi.


L’Arcivescovo Gądecki sottolinea che per quanto riguarda l’aspetto organizzativo a livello diocesano e nazionale, in pratica, le iniziative ecclesiali coinvolgono solitamente le stesse persone, come evidenziato da varie associazioni. “Lo stesso gruppo di persone intraprende varie forme di attività all’interno della comunità, e un gran numero di persone non desidera essere coinvolto” – ha dichiarato l’Arcivescovo Gądecki a Radio Vaticana. Sottolinea che ciò solleva una serie di domande a cui è necessario rispondere.

“Di solito, quando si organizza un sinodo diocesano, si pensa al suo duplice aspetto: pastorale e giuridico, normativo. Entrambi sono molto importanti per la diocesi. Questa pastorale riassume l’attuale situazione pastorale e allo stesso tempo delinea alcuni progetti per il futuro – afferma l’Arcivescovo Gądecki alla radio pontificia. – Quello giuridico sottolinea la forma canonico-normativa nella quale viviamo e ci muoviamo. Durante gli attuali preparativi, di questo al momento non si parla. Sembra che si tratti principalmente di un aspetto, cioè della dimensione pastorale. Lo stesso Segretariato del Sinodo si concentra principalmente sulla dimensione diocesana e nazionale”.

A parere del metropolita di Poznań, per ora manca una più precisa definizione di cosa dovrebbe essere il Sinodo dei Vescovi e come dovrebbe essere organizzato a livello continentale.

“Cosa significano i rappresentanti dell’intero popolo di Dio, quanti devono essere; quali categorie; quali dovrebbero essere i criteri per la selezione degli stessi voti; chi dovrebbe effettivamente organizzare un’assemblea continentale: queste sono le domande principali. Sarà più difficile riunire tutte le Chiese d’Europa. Sono una varietà abbastanza consistente e anche le Chiese greco-cattoliche devono essere prese in considerazione. Nella consultazione dovrebbero essere incluse anche le consulte religiose maschili e femminili, le facoltà teologiche e le università. Le conclusioni di tutte queste istituzioni dovrebbero essere incluse nel documento di lavoro – sottolinea l’Arcivescovo Gądecki. – La scelta di tutto ciò sarà veramente difficile. Se dall’Europa arriveranno alla segreteria sinodale oltre quaranta risposte elaborate, non sarà facile farne una sintesi unica. Certe cose si ripetono in diverse Chiese. Ci sono anche elementi non confrontabili e questo pone alla segreteria sinodale un compito molto arduo”.

Per decisione di Papa Francesco la formula del Sinodo dei Vescovi è cambiata, non sarà più un evento una tantum, ma un processo articolato in tre tappe: locale, continentale e universale a Roma. Il processo sinodale sarà ufficialmente avviato dal Papa a Roma il 9 e 10 ottobre, e il 17 ottobre nelle Chiese locali.

Dichiarazione rilasciata a: Krzysztof Ołdakowski SJ / vaticannews / Vaticano

Altro testo:

Sono passati 100 anni dalla settima, poco conosciuta, apparizione di Fatima >>>