szukaj
Wyszukaj w serwisie

Conference on the protection of minors – summary (in ENG+ITA)

Press Office of the Polish Bishops’ Conference / 23.09.2021
photo: episkopat.pl
photo: episkopat.pl

PRESS RELEASE of the conference on the protection of minors in the Churches of Central and Eastern Europe – summary

*

COMUNICATO sulla conferenza sulla tutela dei minori nelle Chiese dell’Europa Centro-Orientale – sintesi


The effective protection of minors requires the cooperation of all who form the Church –emphasized during the international conference “Our Common Mission of Safeguarding God’s Children,” which concluded today in Warsaw. During the four-day meeting, Church delegates from 20 Central and Eastern European countries listened to lectures and discussed in groups the spiritual, theological, legal, and pastoral aspects of the crisis of sexual abuse of minors by priests.

In his message to the conference participants, Pope Francis encouraged them to listen to the cries of the wounded. He called for “the good of the victims not to be relegated to the background of an ill-conceived concern for the image of the Church as an institution.”

Opening the session, Professor Hanna Suchocka of the Pontifical Commission for the Protection of Minors admitted that initially it seemed that the problem of sexual abuse had bypassed Central and Eastern Europe. However, it turned out that this is not true, therefore, “we decided that a conference of representatives of this region would be advisable,” said the former prime minister. She added that Poland was chosen as the venue for the conference, as it was here that the largest number of cases were uncovered, and the largest number of trials were underway.

Welcoming the conference participants, Archbishop Stanisław Gądecki, the President of the Polish Catholic Bishops Conference, indicated that they gather here “to cure themselves of indifference, and even more so, of disregard for the injustice” of the victims. In turn, Cardinal Seán O’Malley, President of the Pontifical Commission for the Protection of Minors, stressed “the need for a pastoral conversion,” which begins with recognizing the truth of what happened and listening to the victims. He indicated that caring for these people should be a pastoral priority of the Church.

During Vespers, combined with prayer for the wounded, conference participants listened to the testimonies of two people victimized by sexual abuse. Fr. Tarsycjusz Krasucki pointed out, among other things, the excessive length of Church trials on sexual abuse committed by clergy, the lack of information about its course, and the need to grant victims the status of parties, not just witnesses in canonical proceedings.

The second day of the conference addressed, among other things, the responsibility of pastors and the need for deep conversion in the face of sins and crimes of sexual abuse of minors by clergy.

During the morning Eucharist, the president of the Pontifical Commission for the Protection of Minors, Cardinal Seán O’Malley, OFM Cap., deplored the crimes committed by priests. Referring to the memorial of Saints Andrew Kim Tae-gon and Companions, he said: “it is difficult to suffer for the Church, but suffering inflicted by the Church and its clergy can be even more difficult.” He noted that the reason for the Warsaw meeting is that “many of our brothers and sisters have suffered at the hands of clergy who committed evil acts by exploiting minors.”

In a presentation entitled “With a Repentant Heart,” Fr. Tomáš Halík, a priest from Prague, the. Czech Republic, noted that the pandemic of sexual, psychological, and spiritual abuse and abuse of power and authority by members of the clergy, which is gradually being revealed, long hidden and trivialized, is one aspect of the deep crisis of the Church in the world today. In post-communist countries it has a number of specific causes, including clericalism, triumphalism, and abuse of power and authority. This crisis can only be overcome with the courage to reform many of the problems, said the well-known Czech pastor, psychologist, and theologian.

Prof. Dr. Myriam Wijlens, professor of canon law in Erfurt and a member of the Pontifical Commission for the Protection of Minors, analyzing the canonical legislation, pointed out the need for a responsible approach of bishops to cases of these crimes. She pointed out that looking at the past, one can see many mistakes of pastors who focused more on the reputation of the Church than on the protection of minors.

The theological consequences of sexual abuse of minors by clergy was the main topic of the third day of the conference. Experiences were also shared on the practice of the protection of minors in different Central and Eastern European countries.

Dr. Grzegorz Strzelczyk drew attention to the consequences of undermining trust in a clergyman who has sexually abused a minor and the inadequate reaction of Church authorities. He stressed that the very survival of religious communities depends, in a sense, on the proper response of Church structures to the sexual abuse of minors. He pointed out that the Church’s response to the tragedy of the sexual abuse of minors by priests usually focuses on legal, psychological, and spiritual aspects. Theological reflection remains somewhat in the shadows, but seems necessary to understand it fully.

He stressed that the Church, which proclaims the reconciliation given to men in Christ, can only be credible if, in the face of great evil, it is capable of doing penance, which is meant to lead to an authentic and profound transformation of people.

During the meeting, the participants also became acquainted with examples of the Church’s work in Central and Eastern Europe in the field of preventing the abuse of minors and helping the victims of these crimes. Examples of concrete actions carried out in Croatia, Hungary, the Czech Republic, Slovakia, and Poland were presented.

Adam Żak and Ewa Kusz, co-founders of the Child Protection Center, announced their intention to include the main themes of the conference in the Synod of Bishops, which begins in November in Rome.

Summing up the four-day session, Archbishop Wojciech Polak said that it is becoming increasingly clear that the crisis caused by the sexual abuse of minors and the negligence of church leaders touches the essence of the Church community. Archbishop Polak pointed out that in view of the fact that the crime of sexual abuse devastates human life in all its dimensions, it is necessary to combine various competencies. Therefore, in the whole process of recovering from the crisis, it is necessary to involve lawyers, psychologists, therapists, psychiatrists, sexologists and also sociologists.

The Primate expressed hope that the Warsaw conference will strengthen mutual solidarity and initiate the process of our common reflection, exchange of experiences and solutions.

The conference, which lasted from September 19 to 22, was attended by members of the Pontifical Commission for the Protection of Minors, bishops, major superiors of male and female religious orders, as well as lay people working to protect children and young people in 20 countries of Central and Eastern Europe. They represent the Roman Catholic and the Greek Catholic Church from Poland, Albania, Croatia, Slovenia, Hungary, Romania, Moldova, Bulgaria, the Czech Republic, Slovakia, Ukraine, Russia, Estonia, Latvia, Lithuania, Belarus, Serbia, Montenegro, North Macedonia, and Kosovo.

The conference is organized by the Pontifical Commission for the Protection of Minors and the Polish Catholic Bishops Conference.

photo: episkopat.pl

*

Una tutela efficace dei minori richiede la collaborazione di tutte le componenti ecclesiali – è stato sottolineato nel corso della conferenza internazionale “La nostra missione comune è proteggere i figli di Dio”, conclusasi oggi a Varsavia. Durante i quattro giorni dei lavori, delegati della Chiesa di 20 paesi dell’Europa Centro-Orientale hanno ascoltato conferenze e discusso a gruppi sugli aspetti spirituali, teologici, legali e pastorali della crisi legata agli abusi sessuali sui minori da parte di sacerdoti.

Nel suo messaggio ai partecipanti alla conferenza, Papa Francesco ha incoraggiato ad ascoltare le grida delle vittime. Ha richiamato che “il benessere delle vittime non dovrebbe essere relegato in secondo piano rispetto a una malintesa preoccupazione per l’immagine della Chiesa come istituzione”.

All’inizio dei lavori, la prof.ssa Hanna Suchocka della Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori ha ammesso che inizialmente sembrava che il problema degli abusi sessuali avesse evitato l’Europa Centro-Orientale. Si è scoperto, tuttavia, che ciò non è vero, pertanto “abbiamo deciso che sarebbe stata utile una conferenza dei rappresentanti di questa regione” – ha affermato l’ex premier. Ha aggiunto che è stata scelta la Polonia come luogo dell’incontro, perché qui è stata resa notala maggior parte dei casi ed è in corso il maggior numero di processi.

Accogliendo i partecipanti alla conferenza, l’Arcivescovo Stanisław Gądecki, Presidente della Conferenza Episcopale Polacca, ha dichiarato che i partecipanti si sono qui riuniti “per guarire sé stessi dall’indifferenza, e ancor più dal sottovalutare le ferite” delle vittime. A sua volta, il Card. Seán O’Malley, Presidente della Pontificia Commissione per Tutela dei minori, ha sottolineato la “necessità di una conversione pastorale” che inizia con il riconoscimento della verità su quanto accaduto e l’ascolto delle vittime. Ha indicato che la cura di queste persone dovrebbe essere una priorità pastorale della Chiesa.

Durante i Vespri, insieme alle preghiere per le persone ferite, i partecipanti alla conferenza hanno ascoltato le testimonianze di due vittime di abusi sessuali. Padre Tarsycjusz Krasucki ha richiamato, tra l’altro, la natura protratta dei processi ecclesiali per abusi sessuali commessi da ecclesiastici, la mancanza di informazioni sul suo svolgimento e la necessità di riconoscere alle vittime lo status di parte, e non solo di testimone in un procedimento canonico.

Nella seconda giornata del convegno si è parlato, tra l’altro, della responsabilità dei pastori e della necessità di una profonda conversione di fronte ai peccati e ai reati di abuso sessuale sui minori da parte del clero.

Durante l’Eucaristia mattutina, il Card. Seán O’Malley OFMCap, Presidente della Pontificia Commissione per la Tutela dei minori, si è rammaricato per i crimini commessi dal clero. Riferendosi alla memoria liturgica di S. Andrew Kim e compagni, ha affermato: “È difficile soffrire per la Chiesa, ma può essere ancora più difficile soffrire per mano della Chiesa e del clero della Chiesa”. Ha sottolineato che il motivo dell’incontro di Varsavia è stato il fatto che “molti dei nostri fratelli e sorelle hanno sofferto per mano di sacerdoti che hanno commesso cattive azioni abusando di minori”.

Nel discorso intitolato “Col cuore contrito”, don Tomáš Halík, sacerdote di Praga, nella Repubblica Ceca, ha osservato che la pandemia di abusi sessuali, psicologici e spirituali, di abuso di potere e di autorità da parte dei membri del clero, gradualmente rivelata, a lungo nascosta e banalizzata, è uno degli aspetti della profonda crisi della Chiesa nel mondo di oggi. Nei paesi post-comunisti, ha una serie di cause specifiche, tra cui il clericalismo, il trionfalismo e l’abuso di potere e di autorità. Questa crisi può essere superata solo con il coraggio di riformare molte questioni – ha affermato il noto sacerdote, psicologo e teologo ceco.

La prof. Dott.ssa Myriam Wijlens, docente di diritto canonico a Erfurt e membro della Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori, analizzando le norme canoniche, ha sottolineato la necessità di un approccio responsabile dei vescovi ai casi di questi crimini. Ha notato che guardando al passato si possono vedere molti errori di pastori che si sono concentrati più sulla reputazione della Chiesa che sulla tutela dei minori.

Le implicazioni teologiche dell’abuso sessuale dei minori da parte del clero sono state il tema principale del terzo giorno della conferenza. Sono state inoltre condivise esperienze sulle pratiche della tutela dei minori nei singoli Paesi dell’Europa Centro-Orientale.

Il Rev.do Dott. Grzegorz Strzelczyk ha richiamato l’attenzione sulle conseguenze dell’indebolimento della fiducia in un sacerdote che ha abusato sessualmente di un minore e sulla reazione impropria delle autorità ecclesiastiche. Ha sottolineato che la stessa sopravvivenza delle comunità di fede dipende, in un certo senso, dalla giusta risposta delle strutture della Chiesa agli abusi sessuali sui minori. Ha sottolineato che la risposta della Chiesa al dramma degli abusi sessuali sui minori da parte del clero si concentra solitamente sugli aspetti legali, psicologici e spirituali. La riflessione teologica rimane piuttosto offuscata, ma sembra indispensabile comprenderla appieno.

Ha sottolineato che la Chiesa, che annuncia la riconciliazione donata agli uomini in Cristo, può essere credibile solo se, di fronte al grande male, sarà capace di penitenza, che deve condurre a un’autentica e profonda trasformazione delle persone.

Durante i lavori, i partecipanti hanno anche conosciuto esempi dell’opera della Chiesa nell’Europa Centro-Orientale nel campo della prevenzione degli abusi su minori e dell’aiuto alle vittime di questi crimini. Sono stati presentati esempi di attività specifiche svolte in Croazia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Polonia.

Padre Adam Żak ed Ewa Kusz – cofondatori del Centro di Protezione dell’Infanzia, hanno annunciato che cercheranno di far sì che i temi principali emersi durante la conferenza siano inseriti negli argomenti del sinodo dei vescovi, che si aprirà a novembre a Roma.

Riassumendo i quattro giorni dei lavori, l’Arcivescovo Wojciech Polak ha affermato che sta diventando sempre più chiaro che la crisi causata dagli abusi sessuali sui minori e dalla negligenza dei superiori ecclesiali tocca l’essenza della comunità ecclesiale. Mons. Polak ha sottolineato che, di fronte al fatto che il reato di abuso sessuale devasta la vita umana in tutte le sue dimensioni, è necessario combinare diverse competenze. Pertanto, l’intero processo di superamento della crisi richiede la partecipazione di avvocati, psicologi, terapisti, psichiatri, sessuologi e anche sociologi.

Il Primate ha espresso la speranza che la conferenza di Varsavia rafforzi la solidarietà reciproca e avvii il processo della nostra comune riflessione, dello scambio di esperienze e di soluzioni.

Al convegno, durato dal 19 al 22 settembre, hanno partecipato membri della Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori, Vescovi, Superiori Maggiori degli Ordini religiosi maschili e femminili, nonché laici impegnati nella tutela dei minori in 20 Paesi dell’Europa Centro-Orientale. Essi rappresentano la Chiesa cattolica romana e greco-cattolica di Polonia, Albania, Croazia, Slovenia, Ungheria, Romania, Moldavia, Bulgaria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ucraina, Russia, Estonia, Lettonia, Lituania, Bielorussia, Serbia, Montenegro, Macedonia del Nord e Kosovo.

Il convegno è organizzato dalla Pontificia Commissione per la Tutela dei minori e dalla Conferenza Episcopale Polacca.

Dodaj komentarz

Twój adres e-mail nie zostanie opublikowany. Wymagane pola są oznaczone *

Avatar użytkownika, wgrany podczas tworzenia komentarza.


2024-04-21 23:15:12